Commentaires

B
Balaninu
le 22/09/2017 à 10:38
Bellu. Sara bé di custrui un chjassu tra tutti ssi lochi per una spassighjata et di fa lu cunosce
A Piazzetta

Dop'à u focu, trà Biguglia è Olmeta

Rédigé le 21/09/2017

1

L'unica qualità di u focu hè ch'ellu mette à palesu e vistighe di u passatu. Trà Biguglia è Olmeta di Tuda vi si pare d'esse nant'à a Luna. Ma quindi è culandi, un'aghja, un pagliaghju, un stazzu, una casetta ci rammentanu ch'ella c'era una vita per sti lochi oghje abandunati.

U paisaghju trà u Nebbiu è l'antica pieve d'Ortu (Biguglia, Furiani, Bastia...) hè impressiunante. L'ersicciu si stende da a muntagna à a piaghja è ci vuleranu parechji anni per permette à a natura di ricustituiscesi. Si pò teme fiumare è disguasti cù e forte pioge chì faleranu in i mesi à vene.

Ritrattu Twitter

S'ellu si pò truvà un interessu à sta calamità, hè quellu di palisà e vistighe sminticate di u passatu. S'ellu si piglia avà l'anticu chjassu trà Biguglia è Olmeta di Tuda si ponu vede quantità di pagliaghji, di ripe, di casette, di muri in petra. Hè ciò ch'ellu hà fattu Jean-Louis Santini, circadore à u CISIT (Cumitatu d’Istudii Scientìfichi è Infurmàtichi di a Tupunimìa di a Corsica), chì hè andatu à circà ste vistighe. Tutti i ritratti sò d'ellu.

Quandu e vitture ùn esistianu ancu, era quessa a strada naziunale trà Bastia è Nebbiu. È s'è no ne prufittavamu per intrattenela ? Avà ch'ella si vede bè, si puderia pulisce tutti l'anni.

Stu locu si chjama Cinquerne. Pensavate chì a muntagna trà Biguglia è u Nebbiu era viota ?


Si ponu vede quantità di pagliaghji. Quì un pagliaghju cù un tettu "à scalini". In francese si diceria "voûte en encorbellement".

Un pagliaghju custruitu segondu un'altru mudellu. Quì quellu di u tettu à terrazza.

Per quessa, leghje u travagliu di Ghjiseppu Orsolini : L'habitat au toit en terrasse : spécimen de l'architecture paysanne en Corse.

Un'altru, cù un tettu à scalini ma cupertu di terra rossa.

Un bellu tettu à scalini :

Ma u tempu face u so travagliu. I pagliaghji si ne falanu in pianu.


Una pozza d'annacquera.

Un pagliaghju cù una mandria.

Più cunnisciuta hè a cappelluccia di Sant'Andria di Fabrica, sopr'à Biguglia. Fermanu e vistighe di sta bella cappella rumànica (XIIIu seculu).



Trà Biguglia è Olmeta, si pò sempre vede l'anticu chjassu chì passava sopr'à a strada di u Lancone. Ùn si puderia truvà una manera di puliscelu è rendelu accessibile tuttu l'annu ?

Si pò scopre cusì una vintina di pagliaghji (almenu !), una cappella rumànica, aghje, casette, stazzi capruni cun baraccone è chjostre... è forse d'altre vistighe sempre piatte. A carta di l'IGN è u catastru ammentanu i lochi chjamati San Ghjuvanni è San Marcellu.

Hè u sugettu di "Dopu à u focu", di Ghjacumu Fusina publicatu in "E Sette chjappelle" :

"Hè cullata à pianterrenu una pelle suttana di terra, ch'era piatta di poi anni è anni, è ci dice à a mutesca una storia vechja nascosta, quella di e casette ind'è vigne, di i chjassi intrecciati, quella di l'aghje tonde, di e murette fatte è di i pagliaghji... quella di i tempi landani, quand'ella rispirava da a cura di l'omi, da u sudore è da l'amore umanu. Hè scrittu cusì u dissegnu di a vita sparita, fattu à sfumature dilicate è frisgi di carbone. È isse piaghje brusgiate, isse ferite aperte, isse petri sciappate, piglianu sottu à u sguardu cum'è una bellezza addisperata è trista."