À vedeci, o Francè

À vedeci, o Francè

Rédigé le 25/08/2019


Hè mortu Francescu Diani. Hà principiatu a so carriera di giurnalistu à Combat è dopu à u Monde. In l'anni 80, epica di rimusci è di tensione, ma dinù di grande speranze cullettive, volta in Corsica è diventa capiredattore di Kyrn. Giurnale d'analise è di riflessione, oghje ci pudemu stunà di a mudernità di e tematiche trattate tandu.

Entre dopu à France 3 Corsica induve lancia l'emissione "Ghjente", chì dà una piazza impurtante à a lingua corsa. Ma quì dinù ci hè un'originalità. A lingua corsa ùn hè micca museificata è u magazinu tratta di sugetti varii, oghjinchi, cù una critica suciale è un sguardu acutu nant'à a Corsica.




Appassiunatu di a so lingua è di a so cultura, hè sott'à a so direzzione ch'elli sò surtiti dui libri : Cantu Corsu, contours d'une expression populaire (Cyrnos et Méditerranée, 1992) è Canta Populu Corsu (Albiana, 1993).

À noi ci avia datu a so cullezzione d'affissi pulitichi (quelli chì l'eranu ghjuvati pè u so libru nant'à Canta) "ne ferai qualcosa". È hè cusì ch'ellu hè natu u prugettu di mostra è di libru Guarda Fratellu (Albiana).

À tempu paisanu è omu di cultura, purtava un sguardu ghjustu è strafine nant'à a Corsica. Tutti quelli chì l'anu cruciatu ricunnisceranu a persunalità forte è attippica, a so generosità, a so onestità. Sempre primurosu di l'altri è luntanu da i calculi di carrierisimu, Francescu era un omu à parte.

Avemu persu un omu, giurnalistu pueta artistu pensadore è militante. Quantu ci ai da mancà, o Francè.