A Corsica dice à vedeci à Edmond

A Corsica dice à vedeci à Edmond

Rédigé le 16/12/2018

1

Hè un librone di a storia di a Corsica recente chì si chjode. Edmondu Simeoni hà marcatu a vita pulitica corsa di st'ultimi cinquanta anni.

Cumu riassume in qualchì filaru a vita chì fù quella d'Edmond Simeoni ? Da u 1960 cun l'affare di e prove nuclearie in l'Argentella à a pulluzione di e fanghe rosse in u 1973, fù unu di i primi à avè datu una voce pè discità a Corsica addurmintata di l'anni sessanta.

L'occupazione di a Cave Depeille in u 1975 è l'evenimenti chì sò accaduti dopu sò cunsiderati cum'è a nascita di u naziunalisimu mudernu. Chì saria stata a Corsica senza Aleria ? Ùn si pò sapè, ma hè certa chì u visu di a Corsica ùn saria statu u listessu.



Mai fiaccu, Edmondu hà cunsacratu a so vita à u militantisimu, cù u so lottu di speranze è di fede, di sbaglii è di cuntradizzione. Dicia sempre chì avà u solcu era apertu è ch'ellu ci tocca à suminà.


Edmondu Simeoni cuntava sempre chì a so indiatura hè nata cù a presa di cuscenza d'un'isula sottu sviluppata, povera, prumessa à a speculazione di i grandi gruppi finanziarii, cù una lingua è una cultura muribonde, cù un populu vergugnosu di ciò ch'ellu hè.

A so analisa era piena di lucidità. È si pò dì ch'ellu era antivistu, postu chì stu custatu vale sempre, quarant'anni dopu...