E più belle canzone di Ghjuvanteramu Rocchi

E più belle canzone di Ghjuvanteramu Rocchi

04/03/2018

Hè mortu Ghjuvanteramu Rocchi è hè grande l'emuzione in Corsica. Hè un piunieru di l'insignamentu di u corsu è un tercanu di a lingua chì si n'hè andatu. Semu crisciuti cù e so canzone ch'è no avemu tutti in mente. Allora pè rendeli omagiu, forse chì u megliu hè di turnà à stalle à sente. Eccu una piccula scelta, frà decine è decine di puesie.


I Mufrini (A Filetta)

A canzona hè surtita nant'à u discu "Cun tè" in u 1984. Serà passatu u tempu di quand'ellu ci vulia à battesi per ùn esse cundannatu à l'esiliu ?

Simu di stu paese
È ci vulemu ingrandà,
Simu di stu paese
È ci vulemu amparà,
Simu di stu paese
È ci vulemu campà.

Hè di più chè cusì (I Muvrini)

Cantata da u gruppu I Muvrini in u 1981.

U mo paese o ghjente care
Ùn hè quellu di l'affissi
Pè i muri di e gare
Di quand'hè tempu à turisti.

U mo paese o ghjente care
Un hè solu sole è mare
Hè di più chè cusì
U mo paese si


È ùn ci hè nunda da aghjustà.

Golu (Felì)

U mo sonniu di corre da Monte Cintu à mare
Cantendu a canzone di chì m'hà fattu fiume
S'ellu ci hè un dumane di pace à meze scume
Parlà ne inseme o Senna parlà ne fiume à fiume


Serà pussibule a pace trà Golu è Senna ?

Vince per ùn more (I Muvrini)

Babboni zimbi d'oppressione
Travagliadori li sfruttati
E giovani sparamundati
Cun quelli senza stenta pane

Anu da vultà (I Muvrini)

Anu da vultà
Quelli chì si sò pisati
I fratelli imprigiunati
A vulemu
Anu da vultà

À rombu di cantà (cantata da Tavagna è I Muvrini)

U Muvrinu (Canta u Populu Corsu)

Di le so prove
Sentu sempre lu vantu
Sò ghjunti à schere
È fattuli l'accampu
S'anu chjappu lu muvrinu
Chì ci teniamu tantu
Po lu si n'anu falatu
per purtassilu in un lampu

Inseme (I Muvrini)

Simu sbanditi (Canta u Populu Corsu)

Aiò surelle,
Aiutate à la mossa,
Vi guidi sempre Faustina la Corsa,
Chì lu populu di Cirnu,
Mai lu metteranu in fossa,
Sè cun voi per cumpagne,
Demu oghje l'ultima scossa.

Quand'è tù balli (Felì)

Lascia da cantu amarore è tristezza
Amarore è tristezza
A vita hè corta è u tempu ùn aspetta
è u tempu ùn aspetta

A fiaccula di a vita (Canta u Populu Corsu)

Sterminatore industriatu
À nigacci ancu u passatu
Lestru à carcacci di difetti
À spezzà pensamentu è detti
Ci avia da tuccà lu spiombu
D’un populu vintu è po tombu

O cari (Felì)

Quale serà (I Muvrini)

Forse v'arricurderete
Di quand'eranu zitelli
È avà chì sò ingrandati
Addiu treni è battelli
Feranu quì mondi è mari
Senza temene penseri
Di i figliuloni cari
Ne pudiete esse fieri

Ditemi (interpretata da Antone Ciosi, Canta u Populu Corsu, Felì)

Da u mio più prufondu sognu
Ogni ghjornu cresce un frombu
Hè quellu d'un aviò
Chì partendu à le prigiò
Mi sbranguleghja lu capu,
Mi trapaneghja lu core
Mi discetu è vecu à Babbu,
Incatinatu è prontu à more
È tù chì ùn vole parlà
Dimmi ch'ellu hà da vultà !
Dimmi ch'ellu hà da vultà !
Dite ch'ellu hà da vultà

I rusignoli (I Muvrini è Tavagna)

Scelta para (I Muvrini)

Scelta para pè rifa
Di a Corsica un giardinu
Scelta para pè andà
A to modu lu caminu
Scelta para pè campà

Manganiolu (I Muvrini)

Ghjuvanteramu Rocchi hà scrittu tante puesie pè i zitelli ch'è no avemu tutti cantatu : I m'amichi, Merendella, Dumane Natale...

O Dumè, o Muamè (A Filetta)

Custruisce un paese ghjustu è appaciatu, ùn hè pensà dinù à tutti i travagliadori chì campanu in a miseria ?

Stasera
Muameddu si stracquerà
Nantu à una sumiglia di strapunta
Ghjustu in punta
- Ci vole à lacà una piazza pè u sognu -
Feritu in ogni capu d'ossu
Cù a coltra di a miseria à dossu

Emu bisognu di tè (Felì)

Lingua in punta di a lingua
Quandu dici è quandu ùn dici
Lingua di i tempi infidi
Lingua di i tempi amichi
Lingua di tantu rigiru
Pè campà u mondu vivu
Per esse è per esse bè
Emu bisognu di tè


Per stalla à sente ci vole à andà quì