Si n'hè andatu Bébé Mariani

Si n'hè andatu Bébé Mariani

15/03/2018

Eccu, si n'hè andatu Bébé Mariani è Sermanu pienghje. U paese hà persu l'ultimu pilastru di l'anzianu mondu chì li firmava. Cantore, artistu, pittore, Bébé era siguramente un omu inclassabile è unicu. Tutti quelli chì l'anu cruciatu averanu u ricordu d'un omu semplice, à la manu, sempre boccarisa è spiritosu, arradicatu à u so paese è e so tradizione, sempre in brama di tramandà è di sparghje.

Paul Mariani, dettu « Bébé » hè natu in u 1928. Di babbu sermanacciu (Fidericcu Mariani, prufessore d'inglese, era unu di i "quattru viulini") è di mamma zalaninca, s'hè stallatu in Boziu versu l'età di vinti anni. Ci trova una cultura di u cantu, di a paghjella è di u viulinu sempre viva. Piglia cuscenza chì ciò chì hè tandu disprezzatu da parechji Corsi hè un patrimoniu riccu ch'ellu ci vole à salvà è trasmette.

Ritrattu : Corti d'eri

In l'anni 50, a sorte manda in Sermanu dui omi chì averanu un'impurtanza maiò in sta tramandera : un stitutore curtinese, Jacques Luciani, è un prete tucchisincu, Paul Filippi, dettu Gregale. Cusì nasce una calisgina chì da quì à pocu piccerà. In l'ambiu musicale sermanacciu, fondanu u gruppu A Mannella. Arregistreghjanu i canti, arricoglienu e parolle, interrugheghjanu quelli chì sanu, è facenu esce dischi.

Hè cusì ch'ellu si pò sente u bassone di Bébé nant'à i primi dischi di A Mannella.


In l'anni 70 hè a moda di « l'art galtique », sculture fatte à partesi da petre roze ma digià cù una certa forma, è Bébé ci trova a so inspirazione.

L'anni 70 sò dinù quelli di a presa di cuscenza è di u rinnovu culturale. U 17 di lugliu di u 1973, Ghjuvanpaulu Poletti, Saveriu Valentini è Minicale sbarcanu pè a festa di Sant'Alesiu in Sermanu. Ci trovanu à Petru Guelfucci. Seranu cummossi da e paghjelle, i terzetti è e viulinate. Inseme decidenu di fà un discu pè arricoglie sta tradizione musicale pupulare. Chjameranu stu discu « Canta u Populu Corsu ».


Hè cusì chì Sermanu è u so tercanu di u cantu, anu participatu à un mumentu datu di a nostra storia à fà cunnosce è à trasmette a so cultura. Bébé l'hà sempre fatta à l'usu soiu, cun simplicità, mudestia è cunvinzione.

Ritrattu : Corti d'eri

Passiunatu di u so paese, arradicatu à i so lochi, passava u so tempu à fidighjà e vechje petre chì li piacianu tantu, à interrugassi nant'à u passatu. Bébé parlava cun tutti, tenia à tutti. Era primurosu ch'elle ùn si perdinu e paghjelle, ch'ellu ùn smarrisca u spiritu paisanu.

St'ultimi ghjorni, mentre ch'ellu era ospidalizatu in Corti, ci dicia chì ciò chì li dispiacia u più era di sapè ch'ellu ùn canteria più.